Migliorare le condizioni di salute del personale anziano

L’Ospedale di Vienna è un esempio di come è possibile realizzare questo obiettivo Come migliorare le condizioni di salute del personale anziano? A questa domanda hanno sicuramente risposto in modo positivo nell’Ospedale universitario di Vienna, tanto da annoverarlo tra i vincitori della campagna «Ambienti di lavoro sani e sicuri». La struttura ha all’interno del personale…

Leggi di più ...

Ricordare Marcinelle per non morire di lavoro.

Perché ricordare Marcinelle? Perché è la straziante testimonianza storica della necessità della voce sindacale, del diritto a una vita dignitosa e di una politica che non venga meno al suo dovere di difendere il lavoro. Queste necessità, nelle miniere belghe, sfumavano tra la fuliggine e la disperazione di chi era disposto a tutto pur di…

Leggi di più ...

Lavorare nei campi. I rischi per i lavoratori

Lavorare nei campi è molto faticoso e comporta grandi rischi. Lo sa bene Ravi. Ogni giorno la sveglia è alle 05:00. Si parte in bicicletta con il buio, attraverso le strade della provincia pontina per andare a lavorare nei campi di coltivazione. In estate le temperature possono arrivare anche a 40°, in inverno a -2°.Ravi…

Leggi di più ...

OLTRE I 35° NON SI LAVORA: LA SALUTE PRIMA DI TUTTO. 

Oltre i 35° non si lavora e si può godere della cassa integrazione. È quanto hanno ribadito con una nota congiunta INAIL e INPS, dando seguito alle direttive dell’INL sui rischi connessi alla sovraesposizione ad alte temperature. Ma non solo. In condizioni lavorative particolari, come i lavori di stesura del manto stradale o edili, la richiesta…

Leggi di più ...

CALDO RECORD E SICUREZZA SUL LAVORO: IL DECALOGO DELL’INAIL

Immaginate di lavorare in un cantiere in pieno luglio, con oltre 40° gradi. Sudare non sarà l’unica reazione del vostro corpo. Fare sforzi a temperature anomale è seriamente debilitante. Non si perde semplicemente la concentrazione. È una fonte di stress fisico e psicologico da non sottovalutare su qualsiasi posto di lavoro. Soprattutto se consideriamo che questo caldo…

Leggi di più ...

Salute mentale e lavoro: parla Claes Mikael Stahl, vice segretario generale della CES

Con l’avvento della pandemia, la salute mentale non è più un tabù. Ciò nonostante, non esiste ancora un quadro normativo, europeo e nazionale, ad hoc. Eppure, la necessità c’è. Numeri alla mano: l’88% dei lavoratori europei soffre di stress sui luoghi di lavoro dove nel 60% dei casi non ci sono piani di azione per prevenire…

Leggi di più ...

Danni muscolo scheletrici: partire dalle scuole per insegnare la prevenzione

L’EU-OSHA, nel quadro della campagna “Alleggeriamo il carico” contro i disturbi muscolo scheletrici (DMS), ha dato il via a un’iniziativa per i più giovani. Si è impegnata in un’attività di educazione e prevenzione per bambini e adolescenti. Questo perché i DMS sono la principale causa di assenza per malattia e rappresentano un’ingente perdita di reddito…

Leggi di più ...

DMS e lavoro: L’EU-OSHA ha redatto consigli pratici contro di disturbi muscolo scheletrici.

I problemi muscoloscheletrici sono tra le principali cause di assenza per malattia. Nell’Unione Europea tra le lavoratrici e i lavoratori quasi il 24 % soffre di mal di schiena e il 22 % di dolori muscolari. Sono disturbi frequenti e invalidanti che si traducono in perdite di reddito e di profitto sia per la forza lavoro che…

Leggi di più ...

La sicurezza non è un costo, ma un investimento.

In Italia, nell’ultimo anno, ci sono state oltre 200 mila denunce per incidenti sul lavoro, di cui, purtroppo, 261 mortali. Sono numeri preoccupanti che allarmano sulle reali garanzie di salute e sicurezza per lavoratori e lavoratrici. Siamo ancora lontani dall’obiettivo di zero morti, soprattutto per la mancanza di consapevolezza sulla reale portata del problema. Salute…

Leggi di più ...

I rischi dell’Intelligenza Artificiale sul lavoro: Le misure di Stati membri e U.E. 

Introduzione L’uso dell’intelligenza artificiale nel mondo del lavoro permetterà di ridurre fatica, sprechi e burocrazia, ma allo stesso tempo esporrà i lavoratori a nuove insidie. A preoccupare politici e analisti, sono la potenziale violazione della privacy, la mancanza di trasparenza e responsabilità e la spersonalizzazione del lavoro. Perciò, negli ultimi anni, Stati membri e U.E.…

Leggi di più ...

CONTATTACI


    #ZEROMORTISULLAVORO

    Gruppo ufficiale della campagna:
    ”ZERO MORTI SUL LAVORO"

    Confrontiamoci sulla sicurezza sul lavoro.
    Segnalazioni, pensieri, idee, con un obiettivo preciso:
    ZERO MORTI SUL LAVORO!

    ZERO MORTI SUL LAVORO | Facebook