IL LAVORO CHE UCCIDE: la strage impunita.

Tra il 1983 e il 2018 gli omicidi riferibili alla criminalità organizzata sono stati 6.681.  Nello stesso periodo i morti sul lavoro sono stati oltre 55.000: una strage silenziosa.  Negli ultimi 10 anni la media è stata quasi di 1.200 vittime annue. Secondo gli ultimi dati pubblicati dall’INAIL, nel solo 2023 a fronte di 585.356…

Leggi di più ...

PATRONATO ITAL e sicurezza: un impegno costante.

Ogni anno più di mille lavoratori perdono la vita a causa di un infortunio sul lavoro, a questo triste conto occorre aggiungere le centinaia di lavoratori che muoiono a seguito di una malattia di origine professionale, cioè contratta per un agente patogeno a cui sono stati esposti durante l’attività lavorativa o nell’ambiente di lavoro. In…

Leggi di più ...

Gender gap e smart working: perché serve un approccio di genere

La pandemia ha accelerato esponenzialmente la trasformazione dell’organizzazione del lavoro innescata dal progresso tecnologico. La quarantena ha permesso di sperimentare su larga scala il telelavoro e lo smart working con cui gli spazi di lavoro sono diventati “mobili” imponendo una revisione delle attuali forme di tutela sul piano della salute e sicurezza. Una tutela che si evolve…

Leggi di più ...

Patente a crediti, quali criticità?

Con il Decreto Legge 19/2024, all’articolo 29, che modifica (sostituisce interamente) l’art. 27 del D. Lgs 81/2008, è stata introdotta la c.d. Patente a Crediti. Ma vediamo nel dettaglio di cosa si tratta (almeno i punti principali) e quali sono per la UIL le maggiori criticità su cui occorre intervenire.     Chi deve avere…

Leggi di più ...

Lavoro in somministrazione: sicuro (o rischioso) come tutti

La recente tragedia di Caserta in cui ha perso la vita un giovane dipendente di un’agenzia di somministrazione, ha nuovamente fatto emergere interrogativi che ciclicamente si ripresentano. Il più frequente è quello secondo il quale lavorare per un’agenzia di somministrazione (ex interinale) non sia sicuro. Ma è vero che non si hanno le stesse tutele,…

Leggi di più ...

“Infortuni sul lavoro in aumento. Ministra, di cosa dovremmo essere contenti?” 

Così la Segretaria Confederale Ivana Veronese commenta i nuovi dati INAIL di Gennaio 2024 che, purtroppo, riconfermano l’emergenza della sicurezza sui luoghi di lavoro.  Nel dettaglio nel primo mese di quest’anno l’Istituto ha registrato 42.166 denunce di infortunio cioè il +6,8% in più rispetto al gennaio 2023. L’incremento riguarda sia i casi avvenuti in occasione…

Leggi di più ...

Salute mentale e status socioeconomico: lo studio dell’EU-OSHA.

Sicurezza sul lavoro e lotta alle disuguaglianze sono vasi comunicanti. Lo svantaggio economico di lavoratrici e lavoratori a bassa qualifica è una variabile determinante la loro maggiore esposizione a rischi, anche psicologici. Tuttavia, nonostante la consapevolezza di questa relazione, sono ancora pochi gli studi che ne approfondiscono cause ed effetti.   L’EU-OSHA ha provato a colmare…

Leggi di più ...

Lavoratrici e lavoratori stranieri più sfruttati, più a rischio

Le migrazioni sono un fenomeno naturale e inevitabile, specie oggi giorno quando il mondo è afflitto da pandemia, guerre e catastrofi naturali. Si parla in questo caso di migranti forzati: persone sfollate, rifugiate o richiedenti asilo che nel proprio paese d’origine rischiano la vita.  Strutturare un sistema di accoglienza efficiente e umano è quindi una priorità di…

Leggi di più ...

CONTATTACI


    #ZEROMORTISULLAVORO

    Gruppo ufficiale della campagna:
    ”ZERO MORTI SUL LAVORO"

    Confrontiamoci sulla sicurezza sul lavoro.
    Segnalazioni, pensieri, idee, con un obiettivo preciso:
    ZERO MORTI SUL LAVORO!

    ZERO MORTI SUL LAVORO | Facebook